La rappresentazione geologica tridimensionale Un nuovo strumento per la gestione dei dati territoriali

Marco Pantaloni, Chiara D'Ambrogi

Abstract


Il recente sviluppo di software per la modellizzazione geologica in 2 e 3 dimensioni costituisce per il geologo un valido ausilio nell’interpretazione e nella comprensione nelle strutture profonde e delle dinamiche crostali (SLAT et alii, 1996; DE DONATIS, 2001). Uno dei principali obiettivi del geologo è, infatti, quello di comprendere la geometria delle strutture in profondità e i rapporti spaziali tra le varie unità stratigrafiche e tettoniche in tre dimensioni.


Parole chiave


3D; idrogeologia; CARG

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


AA.VV. (1997) – Carta geologica d’Italia 1:50.000 – Banca dati geologici – Linee guida per l’informatizzazione e l’allestimento per la stampa della banca dati. Quaderni del Servizio Geologico Nazionale, Serie III, n° 6. BORRACCINI F., DE DONATIS M., D’AMBROGI C. & PANTALONI M. (2004) - Il Foglio 280 – Fossombrone 3D: un progetto pilota per la cartografia geologica nazionale alla scala 1:50.000 in tre dimensioni. Boll. Soc. Geol. It., 122: 319-331.

DE DONATIS M. (2001) - Threedimensional visualisation of the Neogene structures of an external sector of the northern Apennines, Italy. AAPG Bulletin, 95/3: 419-431.

DE DONATIS M., JONES S., PANTALONI M., BONORA M., BORRACCINI F. & D’AMBROGI C. (2002) - A National Project on Three-Dimensional Geology of Italy: Sheet 280 Fossombrone in 3D. Episodes, 25/1: 29-32.ù

SLATT R.M., THOMASSON M.R., ROMIG P.R., PATERNACK E.S., BOULANGER A., ANDERSON R.N. & NELSON H.R. (1996) – Visualization technology for the Oil and Gas Industry: Today and Tomorrow. AAPG Bulletin, 80/4: 453- 459.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.