Save the world’s cultural heritage” umanisti e scienziati insieme

Renzo Carlucci

Abstract


Nel quadro delle varie competenze, proprie degli esperti che operano nel settore del patrimonio culturale, si assiste da qualche tempo ad una esplosione di interesse talmente ampia che sembra quasi di assistere ad una contesa tra di essi allo scopo di salvare il Bene Culturale. La generazione precedente alla nostra, ha gestito il patrimonio essenzialmente tramite operatori di formazione umanistica che difficilmente affidavano a tecnici specialistici le analisi tecnico-scientifiche. Gli ingegneri, i geofisici, i chimici, i geometri e gli altri tecnici ad alta specializzazione erano difficilmente coinvolti nell’effettuare analisi sul patrimonio storico dal momento che, nell’epoca dell’espansione umana, le attività principi dell’ingegneria e delle scienze connesse, erano devolute esclusivamente allo “sviluppo”
anziché alla conoscenza del patrimonio storico.


Parole chiave


umanesimo; scienza; ricostruzione del territorio

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.48258/geo.v11i0.721

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.